Posted on

Ha senso fare un dottorato in discipline umanistiche?

di Claudio Giunta

[www.internazionale.it]

In un articolo di qualche anno fa uscito su The Chronicle of Higher Education, l’anglista Thomas H. Benton rispondeva di no: meglio non provarci nemmeno. O meglio, ci si può provare, ma allora bisogna (1) essere ricchi di famiglia; o (2) «appartenere a quella piccola classe di persone ben connessa all’interno dell’accademia che prima o poi troverà un posto da qualche parte; o (3) fare un dottorato in margine a un’altra occupazione remunerata, come l’insegnante; o (4) avere un partner che può mantenere noi e i nostri eventuali figli. Venendo meno queste condizioni, fare un dottorato in discipline umanistiche è un azzardo, o una sciocchezza, perché la gran parte degli addottorati non troverà un lavoro decente nelle università né, con ogni probabilità, al di fuori di esse. Qui l’articolo completo, con altri link utili:

http://chronicle.com/article/Graduate-School-in-the/44846

Ma perché credere ai moniti allarmistici di un professore tenured? Lui ce l’ha fatta!

...Leggi tutto "Ha senso fare un dottorato in discipline umanistiche?"