Posted on

Il mondo è quel che è. Una nuova lettura del Decameron

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 28 maggio 2017

The world is what it is. È la prima frase di Sull’ansa del fiume di Naipaul nonché il titolo della sua autobiografia (le frasi successive non sono meno memorabili: «Uomini che non sono niente, che concedono a se stessi di non diventare niente, non hanno posto nel mondo»). Il mondo è quel che è: la maturità consiste nel fare esperienza di questo semplice fatto, e nell’accettarlo. O no? Arrivato ...Leggi tutto "Il mondo è quel che è. Una nuova lettura del Decameron"
Posted on

Sulla “Caccia di Diana” di Boccaccio

di Claudio Giunta

Domenica del Sole 24 ore, 9 aprile 2017

«Mi parli del Boccaccio poeta» è una domanda-killer, una di quelle che agli esami di Letteratura italiana si fanno ‘per la lode’ a chi ha già dimostrato di sapere il fatto suo. Peggio c’è solo «Mi parli del Boccaccio latino». L’italiano medio, lo studente medio, lo studioso medio (anche medievista) conosce il Decameron, e ha solo una vaga informazione sul resto dell’opera boccacciana. ...Leggi tutto "Sulla “Caccia di Diana” di Boccaccio"
Posted on

Parole strane

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 21 agosto 2016

Ricordate il monologo finale di Pacino in “Profumo di donna”? «Io mi sono trovato spesso ad un bivio, nella mia vita. Io ho sempre saputo qual era la direzione giusta: senza incertezze sapevo qual era. Ma non l’ho mai presa. Mai. E sapete perché? Perché era troppo duro imboccarla». Ecco, anch’io ho sempre saputo che avrei potuto diventare un bravo linguista: c’era la disposizione, ...Leggi tutto "Parole strane"
Posted on

Sì, ma cosa c’è dentro (8)? Una lettera dalle Canarie (dal “De Canaria” di Giovanni Boccaccio)

di Claudio Giunta

Ottavo estratto dal manuale-antologia
Cuori intelligenti. Mille anni di letteratura

Boccaccio parla delle Canarie, naturalmente senza esserci mai stato; e parla dei ‘selvaggi’ che vivono laggiù. Siamo nel 1341, è uno dei primi documenti della prossima conquista europea del mondo – There Will Be Blood. 

I «selvaggi» non li scoprì Cristoforo Colombo sbarcando in America nel 1492. La storia medievale è costellata da incontri tra viaggiatori europei (viaggiatori che partono per commerciare, per fare la guerra, per visitare i luoghi sacri del cristianesimo) e ‘nuove’ popolazioni africane o asiatiche (nuove, si capisce, agli occhi degli europei: agli occhi degli africani e degli asiatici i ‘nuovi’ ...Leggi tutto "Sì, ma cosa c’è dentro (8)? Una lettera dalle Canarie (dal “De Canaria” di Giovanni Boccaccio)"
Posted on

Sì, ma cosa c’è dentro (7)? Un sonetto di Petrarca sull’amore in tarda età

di Claudio Giunta

Settimo estratto dal manuale-antologia
Cuori intelligenti. Mille anni di letteratura.

Petrarca fantastica di un casto amore per Laura, in tarda età. Ma Laura è morta. 

I sonetti 315, 316 e 317 del Canzoniere, scritti dopo la morte di Laura, hanno una particolarità interessante: sono tutte e tre poesie nelle quali Petrarca immagina come avrebbe potuto essere la vita insieme a Laura una volta che sia lei sia lui fossero invecchiati: una volta cioè che quello che si chiama un po’ retoricamente ‘il fuoco della passione’ si fosse spento. Ecco il primo testo ...Leggi tutto "Sì, ma cosa c’è dentro (7)? Un sonetto di Petrarca sull’amore in tarda età"
Posted on

750

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 17 maggio 2015

Dante Alighieri si sarebbe molto meravigliato se gli avessero detto che nel 2015 gli italiani avrebbero festeggiato il suo settecento-cinquantesimo compleanno. Non che avesse dubbi circa il proprio valore, o circa la durata della propria fama: non che non sapesse di essere un genio, e non che questa consapevolezza fosse temperata dalla modestia. Chi l’ha letto conosce bene le sue candide dichiarazioni ...Leggi tutto "750"