Posted on

L’importante è non partecipare

di Claudio Giunta

IL magazine del Sole 24 ore, dicembre 2016

Non a tanti, forse, ma a qualcuno è senz’altro venuto in mente il nome di Christopher Lasch la mattina del 9 novembre, quando si è capito che Donald Trump sarebbe stato il prossimo presidente degli Stati Uniti. Perché una delle idee fisse di Lasch (1932-1994) era che verso la metà degli anni Sessanta la sinistra americana avesse perso la strada, e avesse cominciato a difendere istanze identitarie ...Leggi tutto "L’importante è non partecipare"
Posted on

No, non aveva capito tutto. Su Christopher Lasch

di Claudio Giunta

Il Foglio, 17 dicembre 2016

Christopher Lasch aveva capito tutto? Chi ha letto i suoi libri se lo sta domandando da qualche tempo, a mano a mano che in Occidente i partiti di sinistra hanno perso appeal sul loro elettorato tradizionale, e soprattutto dopo che un mese fa Donald Trump, «il demagogo che afferra le donne per la fica, che costruisce il muro, che nega il riscaldamento globale, che abolisce la sanità pubblica, che ...Leggi tutto "No, non aveva capito tutto. Su Christopher Lasch"
Posted on

Elsa Morante e il narciso infelice

di Matteo Marchesini

Il Foglio, 11 aprile 2015

Davanti a una delle opere maggiori della Morante, un critico parlò del “romanzo di chi ha sognato un romanzo”. Per questo genere, in effetti, la scrittrice aveva un vero e proprio culto. Quando iniziò “Menzogna e sortilegio”, sognava di scrivere l’ultimo Grande Romanzo Integrale, un esemplare capace di riassumere in sé tutte le suggestioni dei suoi più celebri antenati editi tra ...Leggi tutto "Elsa Morante e il narciso infelice"
Posted on

Un saggio di Christopher Lasch

di Claudio Giunta
[ItalianiEuropei, 4 (2010)] Christopher Lasch (1932-1994) era un conservatore di sinistra. Che fosse un conservatore, non è difficile da dimostrare. Il suo libro più importante, The True and Only Heaven (tradotto da Feltrinelli col titolo Il paradiso in terra), è una critica dell’idea di progresso così come essa è stata formulata dai moralisti inglesi del Settecento (Mandeville, Hume, ...Leggi tutto "Un saggio di Christopher Lasch"