Posted on

Su “Personaggi precari” di Vanni Santoni

di Claudio Giunta

[Domenicale del Sole 24 ore, 9 febbraio 2014]

Nella postfazione a Personaggi precari di Vanni Santoni, Raoul Bruni cita un certo numero di libri che sono simili a, o che ricordano un po’ Personaggi precari: «nella letteratura italiana del secolo scorso non mancano esempi illustri di raccolte di micronarrazioni/microromanzi», e cioè Bontempelli (La vita intensa), Manganelli (Centuria), Pontiggia (Vite di uomini non illustri), Campanile (Tragedie di due battute).

Vero, però a me Personaggi precari ha fatto venire in mente soprattutto un bellissimo libretto uscito tre anni fa, Cartoline dai morti di Franco Arminio. Arminio fa parlare i morti, gli fa raccontare il come e il quando della loro morte, un po’ come Dante nella Commedia, ma senza l’angoscia o la consolazione del giudizio finale, perché dopo la morte non c’è niente; anzi, come dice uno dei morti, «Non c’è neanche il niente, almeno così mi pare».

...Leggi tutto "Su “Personaggi precari” di Vanni Santoni"