Posted on

Togliatti. La fabbrica della Fiat

di Claudio Giunta

Linkiesta, 10 ottobre 2020

Cinquant’anni fa veniva inaugurato a Togliatti, mille km a sud-est di Mosca, uno stabilimento automobilistico costruito dalla Fiat. È una storia Italo-sovietica molto interessante, e anche piuttosto allegra, il che è raro. Giovanna Silva e io siamo andati a Togliatti e abbiamo intervistato chi c’era. E poi abbiamo fatto lo stesso a Torino e dintorni. Io ho scritto il testo, lei ha fatto ...Leggi tutto "Togliatti. La fabbrica della Fiat"
Posted on

Su “Steve Jobs non abita più qui” di Michele Masneri

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 13 settembre 2020

Ogni tot anni, in piroscafo o in aereo, l’Italia manda uno scrittore-giornalista come suo emissario negli Stati Uniti. L’emissario va, vive, prende appunti, manda articoli a un giornale, torna, a volte scrive il libro che, se il libro va bene, contribuisce a fissare l’immagine di quel Grande Paese per una generazione di connazionali. Steve Jobs non abita più qui di Michele Masneri, uscito adesso ...Leggi tutto "Su “Steve Jobs non abita più qui” di Michele Masneri"
Posted on

Gianluigi Simonetti su “Vita meravigliosa” di Patrizia Cavalli

di Gianluigi Simonetti

Domenicale del Sole 24 ore, 13 settembre 2020

Tornano le poesie di Patrizia Cavalli, ed è più o meno sempre come la prima volta. Perché negli anni il suo modo di scrivere è cambiato tutto sommato poco (il libro d’esordio, Le mie poesie non cambieranno il mondo, uscì nel 1974, in un clima poetico che non sapremmo immaginare più lontano dall’odierno). Ma soprattutto perché leggendo questi versi fatti apparentemente di nulla la reazione ...Leggi tutto "Gianluigi Simonetti su “Vita meravigliosa” di Patrizia Cavalli"
Posted on

Il Lancelot-Graal in italiano, finalmente

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 6 settembre 2020

I libri davvero importanti si conoscono anche senza averli letti, perché sono penetrati così a fondo nella cultura circostante da modellare senza che ne siamo del tutto consapevoli le idee e le immagini che abbiamo in testa, e persino la nostra tavola dei valori. Ben pochi hanno letto o leggono per intero l’Iliade o la Commedia, ma il nostro universo mentale è molto più omerico e dantesco di ...Leggi tutto "Il Lancelot-Graal in italiano, finalmente"
Posted on

I misteri di Alleghe, sessant’anni dopo

di Claudio Giunta

Il Foglio, 22 agosto 2020

  La non-fiction criminale ha una tradizione illustre che di solito si fa rimontare a A sangue freddo di Capote (1966) e di solito si fa culminare nell’Avversario di Carrère. Il lettore italiano oggi pensa a Gomorra, ma dovrebbe pensare invece a L’erede di Gianfranco Bettin o al capolavoro che è il memoir-inchiesta L’abusivo di Antonio Franchini, o… Molto prima che la non-fiction andasse ...Leggi tutto "I misteri di Alleghe, sessant’anni dopo"
Posted on

Dante profeta?

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 12 luglio 2020

«Dante, io credo, aveva avuto esperienze che egli riteneva di una certa importanza». Dopo tanto leggere e meditare, questa frase sempliciotta di un amatore, non di uno studioso, T.S. Eliot, finisce per essere quella che ancora definisce meglio, cioè con minor coefficiente di arbitrio, la singolare personalità artistica di Dante Alighieri. Quali furono queste esperienze «di una certa importanza»? ...Leggi tutto "Dante profeta?"