Posted on

Che cosa deve fare un rettore?

di Claudio Giunta

Il Post, 8 giugno 2021

Succederà ancora, è inevitabile, quindi forse ha senso riflettere pacatamente sulla cosa. I rettori delle università italiane bisogna capirli. Vengono eletti dai colleghi e dal personale tecnico-amministrativo: in qualche modo devono rendere conto a loro. Ma soprattutto devono rendere conto a un consiglio d’amministrazione, al Senato accademico, alla Consulta dei Direttori, agli studenti. E anche ...Leggi tutto "Che cosa deve fare un rettore?"
Posted on

Tre modi di arrendersi

di Claudio Giunta

Il Mulino, 3 (2020)

1. Mi sono messo a collezionare scene di resa. La letteratura è piena di eroi vittoriosi, di stoiche resistenze. Alla fine della resistenza non è detto che si vinca, ma intanto si resiste, e questi atti di abnegazione e coraggio finiscono nelle antologie scolastiche: Enea che fonda Roma dopo anni di pene e peregrinazioni; Orlando che si fa ammazzare a Roncisvalle, ma non volta le spalle ai Saraceni; ...Leggi tutto "Tre modi di arrendersi"
Posted on

Volevo ringraziare

di Claudio Giunta

Il Foglio, 2 maggio 2020

Adesso che non è ancora finita ma si intravede la fine – il 4 maggio, l’estate, soprattutto la riapertura dei bar e dei ristoranti – o almeno un addolcimento della clausura, adesso è il momento dei ringraziamenti. No, non per il «personale sanitario». Bisogna ringraziare chi o cosa in queste settimane ci ha aiutato a vincere la noia o ci ha messo allegria, o persino ci ha fatto diventare ...Leggi tutto "Volevo ringraziare"
Posted on

Le belle maniere dell’Università di Padova

di Claudio Giunta
Questo è il testo di una lettera aperta sottoscritta da varie decine di docenti dell’Università di Trento e inviata ai colleghi dell’Università di Padova. Tema: il ventilato accordo tra la Giunta della Provincia Autonoma di Trento e l’Università di Padova per aprire una facoltà di Medicina nella città di Trento. Qui si può firmare la lettera. E qui ci si può fare un’idea ...Leggi tutto "Le belle maniere dell’Università di Padova"
Posted on

L’archeologia industriale è una cosa deliziosa

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 10 novembre 2019

L’archeologia industriale è una cosa deliziosa, naturalmente a patto di non esserci finiti sotto, cioè di non essere uno di quelli che sono rimasti disoccupati perché l’industria nella quale lavoravano nel frattempo è diventata archeologia. Ma questi sventurati rappresentano chiaramente una piccola minoranza della forza-lavoro, un’infima minoranza della popolazione, una microscopica minoranza ...Leggi tutto "L’archeologia industriale è una cosa deliziosa"
Posted on

Cultura e ignoranza

di Matteo Marchesini

Il Foglio, mercoledì 29 maggio 2019

L’Italia del 2019, è fin troppo noto, riflette ancora una stratificazione di fenomeni sociali e politici piuttosto eccentrica rispetto a quella dei paesi che hanno inventato la modernità. Da noi convivono tempi e luoghi diversissimi. Per questo quando si dibatte di progresso e conservazione, o di élite e popolo, ci si trova intrappolati in un groviglio di equivoci. Certe proposte sembrano sia ...Leggi tutto "Cultura e ignoranza"