Posted on

Ermanno Olmi (1931-2018)

di Alberto Saibene
Anche se si sapeva che era malato da tempo, la morte di Ermanno Olmi colpisce come se portasse con sé l’epoca più bella del cinema italiano, quella che si sviluppò a partire dal neorealismo. Un momento di fine. Della sua infanzia proletaria, della scoperta del mondo nelle colonie estive, ha scritto in un libro molto bello, Il ragazzo della Bovisa. Poi seguì l’apprendistato attraverso ...Leggi tutto "Ermanno Olmi (1931-2018)"
Posted on

Su “L’intervallo” di Leonardo Di Costanzo

di Claudio Giunta
www.gliasinirivista.org In questo film ambientato a Napoli Napoli si vede una sola volta, a un quarto d’ora dalla fine. La vediamo in una lunga panoramica dall’alto: tramonto, persiane che si alzano per far entrare l’ultima luce della giornata estiva, ragazzi che sgommano sui motorini, conciliaboli davanti al bar, una concitazione che – lo si avverte – potrebbe facilmente trasformarsi ...Leggi tutto "Su “L’intervallo” di Leonardo Di Costanzo"
Posted on

Adattamento

di Giacomo Manzoli
Propongo questo breve saggio – più che altro appunti – sul tema dell’adattamento, nella convinzione che le considerazioni esposte non riguardino solo chi si interessa di cinema, che pure è l’oggetto privilegiato del testo. Bensì, più in generale, si chiamano in causa temi e questioni che forse riguardano le discipline umanistiche nel loro complesso. Già negli anni Settanta, ...Leggi tutto "Adattamento"
Posted on

Perché a Natale ci toccano i cinepanettoni

di Giacomo Manzoli
Le vacanze di Natale, per ovvie ragioni climatiche, sono per definizione il periodo in cui si ha più tempo e voglia di andare al cinema. Peccato che sia anche il periodo in cui c’è meno da vedere. Se si guarda infatti il giroscopio delle principali città italiane ci si accorge che l’offerta è decisamente più povera rispetto al resto dell’anno. L’offerta – per ...Leggi tutto "Perché a Natale ci toccano i cinepanettoni"
Posted on

“Animal Kingdom”

di Claudio Giunta
Vorrei dire che Animal Kingdom è stato il mio film preferito del 2010. Lo dico con la risolutezza dell’ignorante, perché ho visto soltanto due dei quindici film che «La Repubblica» ha sagacemente selezionato come migliori dell’anno perché poi i lettori votassero il migliore dell’anno (ho visto Il concerto, trovandolo abominevole, e Shutter Island, trovandolo buono; ma per esempio mi manca ...Leggi tutto "“Animal Kingdom”"