Posted on

Gianluigi Simonetti su “Elsa Morante” di René de Ceccatty

di Gianluigi Simonetti

Domenicale del Sole 24 ore, 7 dicembre 2020

Discutendo con Enzo Siciliano, Elsa Morante dichiarò una volta che scavare nella vita di uno scrittore può servire al massimo a divulgare «quello che uno non è». Dietro questa frase apparentemente paradossale fa capolino un’idea chiave della cultura letteraria moderna: l’opera d’arte non ha nulla a che fare con la vita del suo autore. Non solo perché è autonoma rispetto al ‘vissuto’ ...Leggi tutto "Gianluigi Simonetti su “Elsa Morante” di René de Ceccatty"
Posted on

Gianluigi Simonetti su “Vita meravigliosa” di Patrizia Cavalli

di Gianluigi Simonetti

Domenicale del Sole 24 ore, 13 settembre 2020

Tornano le poesie di Patrizia Cavalli, ed è più o meno sempre come la prima volta. Perché negli anni il suo modo di scrivere è cambiato tutto sommato poco (il libro d’esordio, Le mie poesie non cambieranno il mondo, uscì nel 1974, in un clima poetico che non sapremmo immaginare più lontano dall’odierno). Ma soprattutto perché leggendo questi versi fatti apparentemente di nulla la reazione ...Leggi tutto "Gianluigi Simonetti su “Vita meravigliosa” di Patrizia Cavalli"
Posted on

Premio Strega 2020: #AndràTuttoBene

di Gianluigi Simonetti

Domenicale del Sole 24 ore, 5 luglio 2020

Allo Strega quest’anno ha vinto il finalista migliore, che era di gran lunga Il colibrì (nonostante la sbandata utopistica delle sue ultime cento pagine, che sarebbe stato meglio evitare). Quello di Sandro Veronesi è anche, insieme al ben più legnoso Ragazzo italiano di Gian Arturo Ferrari, il libro più rifinito e artigianalmente corretto dei sei, il più canonicamente letterario, il più adulto ...Leggi tutto "Premio Strega 2020: #AndràTuttoBene"
Posted on

Su “Fedeltà” di Marco Missiroli

di Gianluigi Simonetti

Domenicale del Sole 24 ore, febbraio 2019

La retorica classica chiama aposiopesi quella reticenza allusiva che consiste nella interruzione più o meno brusca di una frase: «Vorrei avere un briciolo della tua”, – e tacque»; «”Volevo passare da tua madre in ospedale ma ci credi che”. Ansimò»; «lui con lei sul materasso spoglio, lui che finalmente». Questi esempi provengono da Fedeltà, di Marco Missiroli, in cui l’aposiopesi, ...Leggi tutto "Su “Fedeltà” di Marco Missiroli"
Posted on

Su “M. il figlio del secolo” di Antonio Scurati

di Gianluigi Simonetti

Domenicale del Sole 24 ore, febbraio 2019

Ci sono libri che meglio di altri incarnano lo spirito del tempo (letterario): il nuovo romanzo di Antonio Scurati, M Il figlio del secolo, è uno di questi. Troppo impegnato a funzionare efficacemente sul piano narrativo, M non riesce purtroppo a essere bello; merita però di essere letto attentamente, se si vuol capire dove va una parte importante della narrativa italiana e cosa ci sta abituando ...Leggi tutto "Su “M. il figlio del secolo” di Antonio Scurati"
Posted on

Sullo Strega 2018

di Gianluigi Simonetti

Domenicale del Sole 24 ore, 8 luglio 2018

E così La ragazza con la Leica, di Helena Janeczek,  ha vinto lo Strega 2018, nel sollievo generale dei mass media: perché una scrittrice torna a vincere dopo quindici anni, e perché la pubblica Guanda, a spezzare il monopolio dei grandi marchi. Sollievo senza stupore: nello scegliere la cinquina i giurati avevano messo le mani avanti, identificando ben tre finaliste, tutte legate a editori medi ...Leggi tutto "Sullo Strega 2018"