Posted on

Il testo come un noir. Sul tabù degli errori d’autore

di Claudio Lagomarsini
Giugno 1991, Costa Azzurra. La aspettavano per cena nella villa della signora Koster, sulle alture di Mougins. Invece Ghislaine non si è presentata. L’indomani, i vicini di casa trovano il corpo dell’anziana signora – Ghislaine Marchal, ricca vedova di un industriale e sorella di un famoso legale che lavora nell’avvocatura del Ministero della Giustizia – con la testa fracassata ...Leggi tutto "Il testo come un noir. Sul tabù degli errori d’autore"
Posted on

Wikipedia e la ‘tradizione aperta’

di Claudio Lagomarsini
Tra i fenomeni della cultura testuale contemporanea nessun processo – nessuna struttura – è tanto profondamente “medievale” quanto Wikipedia. Se un qualsiasi copista poteva prendersi la libertà di riscrivere o aggiornare parti più o meno ampie del Trésor di Brunetto Latini, tanto più (e talora con meno competenze) un redattore anonimo di Wikipedia può rimaneggiare interi periodi di ...Leggi tutto "Wikipedia e la ‘tradizione aperta’"
Posted on

Il ‘foglietto’ di Berlusconi. Filologia e attualità

di Claudio Lagomarsini
«La filologia […] è un abito mentale, lo stesso per il quale ciò che ci viene detto o che ci viene fatto leggere ci domandiamo o dovremmo domandarci come l’abbia saputo chi ce lo dice (davvero i due ministri chiusi in una stanza si sono detti le parole riferite dal giornale fra virgolette?); una specie di igiene mentale contro il pressapochismo e l’indifferenza per i fatti […] e ...Leggi tutto "Il ‘foglietto’ di Berlusconi. Filologia e attualità"