Posted on

Tommaso Labranca: 78.08.18

di Claudio Giunta

Il Foglio, 8 settembre 2018

Tommaso Labranca amava Fantozzi. Sognava «un ultimo film di Fantozzi, ma girato bene come il primo, da un erede di Luciano Salce, in cui ragioniere e famiglia sono alle prese con il mon­taggio di un mobile nordico in scatola piatta». E pensava che Fantozzi fosse il primo grande personaggio comico autenticamente italiano perché privo di connotazioni regionali: Totò è napoletano, Macario è torinese, ...Leggi tutto "Tommaso Labranca: 78.08.18"
Posted on

V. S. Naipaul (1932-2018)

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 19 agosto 2018

Libro dopo libro, i grandi scrittori articolano la loro idea dell’esistenza, di come bisogna o non bisogna viverla: e noi li leggiamo perché vorremmo che un po’ della loro intelligenza e della loro saggezza ci aiuti a mettere in sesto la nostra, di esistenza; e anche per vedere come se la sono cavata gli altri. Di solito questi scrittori prendono uno spicchio di mondo – Parigi, Newark, la Sicilia, ...Leggi tutto "V. S. Naipaul (1932-2018)"
Posted on

Il Tjöruhúsid, prima di morire

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 2 settembre 2018

Se proprio bisogna trovargli un difetto, è un po’ fuori mano. Non basta arrivare in Islanda, quattro ore di volo diretto da Milano: bisogna attraversare l’Islanda dal basso in alto, partendo da Reykjavík e arrivando a Isafjördur, nell’estremo nord-ovest (in aereo, 40 minuti; in auto è impraticabile, uno stillicidio di fiordi, non basta una giornata). Atterrati a Isafjördur – che è un’esperienza ...Leggi tutto "Il Tjöruhúsid, prima di morire"