Posted on

“Animal Kingdom”

di Claudio Giunta

Vorrei dire che Animal Kingdom è stato il mio film preferito del 2010. Lo dico con la risolutezza dell’ignorante, perché ho visto soltanto due dei quindici film che «La Repubblica» ha sagacemente selezionato come migliori dell’anno perché poi i lettori votassero il migliore dell’anno (ho visto Il concerto, trovandolo abominevole, e Shutter Island, trovandolo buono; ma per esempio mi manca Avatar, che non ho visto per snobismo). Però Animal Kingdom ha vinto il Premio della Giuria al Sundance Film Festival, che raramente sbaglia; e su www.rottentomatoes.com ha il 96% del gradimento tra i critici e l’83% del gradimento tra il pubblico, e una lunga lista di recensioni molto elogiative. Aggiungo la mia, invitando tutti ad acquistare il DVD.

Melbourne, giorni nostri. Il diciassettenne Joshua si trova solo dopo la morte della madre, così lo raccolgono la nonna e i suoi quattro zii. Solo che la nonna è una psicopatica, e i quattro zii per vivere rapinano banche e spacciano droga. Il film è il racconto dell’integrazione di Joshua nel gruppo e di come, anche per colpa o per merito di Joshua, il gruppo si disintegra. E di quel che succede dopo.

...Leggi tutto "“Animal Kingdom”"