Posted on

Dante nel pomeriggio

di Claudio Giunta


È proprio necessario tanto Dante a scuola?

L’idea di tenere aperte le scuole anche al pomeriggio, a beneficio sia degli studenti che hanno bisogno di ripetizioni o di un posto tranquillo per studiare sia dei cittadini adulti interessati a migliorare la loro istruzione (circolare del Ministero della Pubblica Istruzione, 28 agosto 2007), è una buona idea. Invece, quella di destinare una parte dei fondi (due milioni di euro su sessantaquattro) a «percorsi di approfondimento dello studio di Dante» (sic) non è una buona idea. Ma è un’idea interessante perché dice, in un dettaglio, in che cosa consiste secondo chi governa il Paese una buona formazione culturale, e per quali vie la si deve perseguire. Per questo non è inutile riflettere, oltre che sulla cosa in sé, sul concetto che sta dietro alla cosa.

Scarica l’articolo completo:
Dante nel pomeriggio [PDF]