Posted on

Il disastro dell’informazione in Italia

di Claudio Giunta
Discussione del libro di Michele Loporcaro Cattive notizie. La retorica senza lumi dei mass media italiani, Milano, Feltrinelli 2005. Che cosa sia oggi l’informazione televisiva in Italia lo si può capire facilmente alle sette meno e un quarto di un qualsiasi giorno feriale. A quell’ora, lunedì scorso a Studio aperto (Italia 1) si parlava di Totti e del suo gol ‘a cucchiaio’ nell’ultima partita coll’Inter. Ma l’occasione era buona per mostrare insieme al gol, per un paio di minuti, la fidanzata Ilary (sic) che – in visione rallentata e per due volte, in due distinte sequenze – saliva le gradinate dello stadio, il filmato delle nozze fra Totti e Ilary e altri fatti memorabili della coppia. Alla stessa ora, al TG2 c’era un servizio sull’Isola dei famosi: un gruppo di uomini e donne seminudi, su una spiaggia asiatica o africana, parlavano, litigavano, accendevano un fuoco. E alla stessa ora, su Canale 5, non c’era il telegiornale ma il programma ‘d’intrattenimento’ Verissimo, condotto da Cristina Parodi: e il discorso e le immagini riguardavano, non so dire di preciso per quale ragione, l’attrice Manuela Arcuri – in bikini. Scarica l'articolo completo: Il disastro dell'informazione in Italia [PDF]