Posted on

L’assedio del presente

di Claudio Giunta
La rivoluzione culturale in corso è quella che, nello spazio di un paio di generazioni, ha fatto dei media il principale veicolo dell’istruzione, al posto della famiglia e della scuola; che ha portato la cultura pop a occupare buona parte dello spazio che apparteneva alla cultura d’élite; e che ha costretto la scuola e l’università ad aggiornare i loro programmi secondo questa ...Leggi tutto "L’assedio del presente"
Posted on

Versi a un destinatario. Saggio sulla poesia italiana del Medioevo

di Claudio Giunta
La poesia è per noi introspezione, ricordo, analisi dei sentimenti individuali: in una parola, lirica. Ma questo monopolio della soggettività è un fenomeno moderno. Nel sistema dei generi medievali, la poesia ebbe un ruolo diverso: essa infatti servì spesso a comunicare nozioni e idee sulla realtà oggettiva che oggi giudicheremmo comunicabili soltanto attraverso la prosa. Questo impegno nella ...Leggi tutto "Versi a un destinatario. Saggio sulla poesia italiana del Medioevo"
Posted on

Due saggi sulla tenzone

di Claudio Giunta
Questi due saggi vertono su un genere poetico che non si definisce sulla base di costanti metriche o formali o tematiche bensì sulla base di una funzione. L’unica caratteristica che possa dirsi comune a tutti i testi di tenzone è infatti questa: essi sono concepiti come messaggi privati indirizzati a un lettore ‘primario’ (il partner nella tenzone, cui compete la risposta) e destinati solo ...Leggi tutto "Due saggi sulla tenzone"
Posted on

Codici. Saggi sulla poesia del Medioevo

di Claudio Giunta
Il linguaggio della poesia medievale non è un linguaggio autonomo: un linguaggio, cioè, che possa essere separato con nettezza da quello usato negli altri generi del discorso letterario e non letterario. E’ possibile che questa sia la condizione della “pura” lirica moderna, ma non di quella dei poeti medievali. Per capire quest’ultima occorre, al contrario, fare luce sui ...Leggi tutto "Codici. Saggi sulla poesia del Medioevo"