Posted on

Il popolo italiano

di Claudio Giunta

È uscito per Il Mulino il libro Gli italiani: 83 fotografie di Massimo Baldini, con uno scritto di Claudio Marra, scelta dei testi e premessa di Claudio Giunta. Qui di seguito l’inizio della premessa. 

Non è bello da dire, non getta una buona luce su di me, ma se mi guardo indietro, adesso che ho compiuto 48 anni e sembra incredibile, ho l’impressione che tutto quello che ho fatto nella vita sia stato cercare di allontanarmi il più possibile dalla gente ordinaria i cui volti affiorano dalle fotografie di Massimo Baldini. Gente ordinaria: un po’ meno che ‘gente normale’, un po’ più che ...Leggi tutto "Il popolo italiano"
Posted on

Su “L’aula vuota” di Ernesto Galli della Loggia

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 17 novembre 2019

Si chiama «principio di carità» quel principio in base al quale si suppone che il proprio interlocutore condivida, in linea di massima, i propri standard di razionalità, e che insomma la sua idea del mondo non possa essere troppo diversa dall’idea del mondo che abbiamo noi: altrimenti non ci sono interlocutori con cui discutere ma nemici da eliminare. Ora, poche zone della pubblica conversazione ...Leggi tutto "Su “L’aula vuota” di Ernesto Galli della Loggia"
Posted on

Il sistema del potere e il dubbio: Levi e Sciascia

di Matteo Marchesini

Il Foglio, 9 ottobre 2019

Difficile trovare due autori più diversi di Primo Levi e Leonardo Sciascia. Uno è tragicamente provato dalla storia, ma la traduce sempre in immagini naturali; l’altro è circondato da una natura antichissima, ma volta le spalle al suo sole a picco per immergersi nel buio degli intrighi storici. Uno è piemontese e atticista, l’altro un meridionale che riesce a rendere barocca perfino la concisione. ...Leggi tutto "Il sistema del potere e il dubbio: Levi e Sciascia"
Posted on

L’archeologia industriale è una cosa deliziosa

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 10 novembre 2019

L’archeologia industriale è una cosa deliziosa, naturalmente a patto di non esserci finiti sotto, cioè di non essere uno di quelli che sono rimasti disoccupati perché l’industria nella quale lavoravano nel frattempo è diventata archeologia. Ma questi sventurati rappresentano chiaramente una piccola minoranza della forza-lavoro, un’infima minoranza della popolazione, una microscopica minoranza ...Leggi tutto "L’archeologia industriale è una cosa deliziosa"
Posted on

Dante inventa, sogna o ha una visione?

di Claudio Giunta

Domenicale del Sole 24 ore, 18 agosto 2019

Un uomo scrive un libro nel quale racconta di essersi perso in un bosco e di essersi ritrovato senza sapere come nell’aldilà, e di aver visitato in compagnia del poeta Virgilio l’inferno e il purgatorio, e poi il paradiso in compagnia di una ragazza che amava, morta dieci anni prima, e alla fine di aver visto Dio. Cosa dobbiamo pensare? Ovviamente che l’uomo si è inventato tutto, scrivendo ...Leggi tutto "Dante inventa, sogna o ha una visione?"
Older posts